Io e il Counseling in Bottega

Mi è stato chiesto di raccontare di me, cosa faccio e chi sono.

Io chi sono?

Donna, 47 anni, Vita piena.

Questo il mio bignami.

Potrei scrivere un libro ma non ho questa dote, da dove cominciare allora?

Nasco da genitori commercianti, di conseguenza credo di aver seguito le loro orme, d’altronde si dice che si impara dalla figure di riferimento in giovane età.

Credo che dal punto di vista lavorativo siano stati dei bravi insegnanti, che dire ho scelto per certi versi la via più facile.

Sembrerebbe la via più facile, se non che  il dover dimostrare di essere all’altezza mi abbia impedito di trovare la mia vera essenza.

Almeno per buona parte della vita.

Mi conoscete per Facciadastile.it, negozio di abbigliamento che ha cercato di espandere il suo territorio anche sui social e nel mondo online, niente di nuovo direte voi, beh io dico che qui ha inizio la storia del cambiamento.

Mi sono evoluta per sopravvivere, non sono una persona che sta nelle cose, sono una persona che cerca i perché e ha bisogno di continua evoluzione, in questa ricerca ho conosciuto una parte di me che tenevo nascosta, quella parte che mi ha sempre dato la spinta ad agire ma allo stesso tempo non si era mai dichiarata fino in fondo.

Ho sempre saputo di amare il contatto umano, altrimenti questo lavoro sarebbe stato vietato o perlomeno non vincente, come ho sempre saputo che avevo una predisposizione ad aiutare gli altri, ed il lavoro con il pubblico di tutti giorni porta una difficoltà relazionale delle persone.

Quello che non sapevo era quanto il mio modo di agire non era incanalato nella prospettiva giusta.

Ho attraversato tre lunghi anni di “lavoro” su me stessa, con professionisti attraverso percorsi individuali, e attraverso la scuola di Counseling dove mi sono diplomata.

Prima di spiegarvi cos’é il Counseling, finisco di spiegarvi, OGGI, chi sono io.

Io sono la stessa di ieri, con una consapevolezza in più, ho necessità di aiutare le altre persone, ed ora ho gli strumenti per farlo con cognizione di causa, amo il mio negozio, è il mio primo figlio ed il Counseling il secondo, e come succede nelle famiglie questi due figli li voglio integrare.

Capisco che sia faticoso immaginare due ambiti così diversi, uniti, e capisco di aver destabilizzato una parte di clientela.

Ho un PROGETTO e lo voglio realizzare!

Come in  tutte le cose il cambiamento necessità di essere digerito.

Vi racconto del Counseling e del mio PROGETTO di vita.

Il Counseling è una professione, “relazione di aiuto”, che si occupa delle persone nel campo della salutogenesi, nel campo del ben-essere, nel qui ed ora, come orientamento e sostegno alla persona…

E’ pieno di definizioni scolastiche scritte benissimo, io ve lo racconto in parole più semplici, che mi rispecchiano.

Se stai attraversando un momento difficile della vita, dove non ti senti al centro di te stesso e delle scelte che fai, hai bisogno di un sostegno o hai bisogno di ri-organizzare le tue priorità, hai difficoltà ad attraversare un trauma, hai necessità di migliorare le competenze relazionali e comunicative, vuoi maggiore conoscenza di te, hai bisogno d’imparare a gestire lo stress, vuoi prendere decisione con consapevolezza, l’obiettivo del counselor è sviluppare nel individuo una consapevolezza delle proprie capacità.

La dimensione del Counseling che preferisco è quella di gruppo, quella che mi rispecchia maggiormente, amo il team, mi piace fare squadra, dare il mio supporto positivo e mi appartiene la spinta motivazionale da coach.

Vi svelo il PROGETTO:

Un luogo, come il negozio, mi dà la possibilità di conoscere tante persone, fisicamente e online, c’è chi si sfoga, chi ha bisogno di parlare o di sentirsi parte di qualche cosa, e quando hai la possibilità di incontrare così tante persone non si può ignorare, o perlomeno non posso  e non voglio ignorare i bisogni delle clienti, c’è la necessità nel mondo di umanità.

Per essere “Umani” bisogna sapere ascoltare, bisogna fare un passo indietro e sedersi, toccare il cuore dell’altra persona, fargli sentire che ci sei e che sei pronta ad accoglierla.

Ed è così che la bottega apre le porte al Salotto FDS, un luogo d’incontro e intrattenimento a porte aperte, un momento di riflessione, sostegno e condivisone a porte chiuso con “Gioca con l’Autostima”.

Concludendo, Facciadastile.it apre le porte al benessere della donna a 360°.

Siamo pronte, oltre a vestirvi, ad ascoltarvi,  a comprendervi, a sostenervi e aiutarvi nel migliorare la vostra qualità della vita.

 

Nicoletta

 

Per informazioni sui percorsi individuali e di gruppo scriveteci info@facciadastile.it

 

Guarda la nostra pagina Instagram o Facebook per essere aggiornata sugli eventi in programma.

 

 

 

 

Lascia una risposta